Free Green Sicilia – SOS Beni Culturali

Diredazione

Free Green Sicilia – SOS Beni Culturali

Quella che fu il primo giardino pubblico della città realizzato ai primi anni dell’ottocento, Villa Pacini (‘varagghi’ per i catanesi di una certa età), è stata ridotta ad un livello di indicibile degrado ambientale anche ‘grazie’ alla sua trasformazione illegittima in base per i fuochi d’artificio, durante le celebrazioni agatine , in quanto essendo un giardino storico pubblico ai sensi del Decreto legge n. 42 del 2004, Codice nazionale dei Beni Culturali, è considerato indirettamente un bene culturale dove tali attività pirotecniche sarebbero vietate in quanto del tutto incompatibili con lo stesso. Per non parlare dello shock , provocato dai fuochi e dai conseguenti rumori fuorilegge, agli uccelli e ai gatti che giornalmente trovano rifugio nella Villa. Ecco perché ci chiediamo e chiediamo anche pubblicamente alla Sovrintendente ai Beni Culturali di Catania se la stessa ( così come ha fatto con l’altro scempio del Giardino Bellini concedendo l’autorizzazione per la fiera commerciale e per il quale abbiamo chiesto le sue dimissioni) ha dato il dovuto nulla osta per l’utilizzo delle storica e monumentale Villa per i devastanti fuochi d’artificio.

Da Free Green Sicilia – afferma Alfio Lisi portavoce di Free Green Sicilia – SOS Beni Culturali – denuncia da anni inascoltata lo stato di perenne degrado, sotto ogni aspetto architettonico e botanico, che la Villa da decenni vive e come se la stessa non si trovasse in pieno centro storico a quattro passi da piazza Duomo, piazza Università, palazzo degli Elefanti e Cattedrale.

Il suo degrado coinvolge non solo l’aspetto botanico, con piante di pregio risalenti alla sua nascita (tra questi esemplari di Casuarinaequisetifolia e il Platanushybrid),- afferma Alfio Lisi portavoce di Free Green Sicilia-sos beni culturali – ma anche quello architettonico e la sua pregiata dotazione (come l’opera marmorea con il busto del compositore catanese Pacini realizzata da Giovanni Duprè), per non parlare dell’Amenano anch’esso con tanto di rifiuti , il pessimo funzionamento dei giochi d’acqua della usurata vasca centrale e lo stato di totale abbandono dell’area dei giochi per bambini (per non parlare all’obbrobrio e degradato chiosco di bibite che fa a pugni con lo stile ottocentesco della Villa) in quanto il tutto è carente da decenni di una vera e assidua cura e sorveglianza.

Ecco perché Free Green Sicilia chiede da anni inascoltata dalle Istituzioni preposte, di avviare l’iter per riconoscere formalmente la Villa Pacini quale bene regionale da proteggere e salvaguardare, anche se di fatto lo è grazie al Codice dei Beni Culturali, oltre che il dovuto restauro nel rispetto della sua identità storica, botanica e architettonica, per riportarla agli antichi splendori quando era meta romantica dei cittadini catanesi.

Info sull'autore

redazione editor

La redazione si occupa di redigere con professionalità, serietà ed etica le notizie al fine di fornire una informazione seria e puntuale

Commenta