Rete Civica della Salute scrive a Bonfanti ed ai Direttori Asp zona sud

DiAdmin

Rete Civica della Salute scrive a Bonfanti ed ai Direttori Asp zona sud

La Rete Civica della Salute, ha inviato nota al sindaco di Noto Corrado Bonfanti ed ai Direttori dell’Asp 8 relativamente la questione dell’Ospedale unico Avola-Noto a seguito di lamentele delle proteste da parte di cittadini sulla funzionalità del Pronto Soccorso del P.O. Trigona di Noto.

Nella nota si chiede:

  • lascia perplessa l’organizzazione e la funzionalità della emergenza/urgenza per i seguenti motivi:
  1. Dal lunedi al venerdi il servizio in Pronto Soccorso viene assicurato anche con la presenza di un dirigente medico distaccato dal P.S. di Avola ma solo ed esclusivamente dalle ore 08.00 alle ore 14,00 e non dalle dalle 14.00 alle 08.00 (fascia oraria scoperta).

Dalle ore 20.00 alle ore 8.00 il turno di servizio viene assicurato invece dal medico della Guardia Medica e dal medico del P.P.I.

  1. Non si comprende il motivo perché il medico o i medici di turno nelle rispettive fasce orarie non vengono autorizzati ad accedere alle informazioni tecnico-sanitarie (con strumenti digitali) in collegamento con le Strutture Specialistiche presenti presso il P.O. di Avola (medici-radiologi, cardiologi, ecc.).
  2. Tutto ciò non permette ai sanitari operanti presso il P.S. di Noto di inviare i pazienti in codice verde presso il reparto di Ortopedia operante presso il P.O. Trigona di Noto, o presso l’ambulatorio di Pediatria, di Ginecologia e del reparto di Geriatria.

“Tutto ciò solleva disagio e criticità ai cittadini che devono recarsi al Pronto Soccorso di Avola dove sono estremamente lunghe le liste di attesa (paradossalmente si arriva ad una attesa anche di 10/12 ore) per essere sottoposti a visita ed essere successivamente autorizzati ad accedere presso le Strutture Ospedaliere in atto presenti a Noto” continua la Rete civica.

  • Si ritiene inoltre necessario attenzionare al meglio la tematica concernente i P.U.A. (Punto unico di accettazione per pazienti fragili) così come raccomandato dall’Assessorato Regionale alla Salute dato che, a tutt’oggi, non vi è contezza di funzionamento a regime.

Il tema sopracitato rientra nella complessa organizzazione dei Presidi Territoriali di Assistenza ribadito e normato nel Decreto dell’Assessorato Regionale alla Salute del 31.7.2019 e pubblicato in G.U.R.S. del 23.8.2019.

Sarebbe opportuna inoltre la istituzione presso il P.O. di Noto del P.T.E. (Presidio Territoriale di emergenza) dato che, in forza della rifunzionalizzazione della rete ospedaliera, il Pronto soccorso dovrà trovare collocazione nel Presidio Ospedaliero di Avola individuato quale agenzia sanitaria deputata alla cura delle malattie acute.

Questa Rete Civica, nell’intento di offrire proficua collaborazione per pubblico interesse, continuerà a monitorare ogni criticità e disagio dei cittadino affinchè le SS.LL. possano valutare i processi sanitari, in ascolto anche alle esigenze rappresentate dai territori, per meglio organizzarli e potenziarli.

Info sull'autore

Admin administrator

Commenta