Salvatore Tiralongo (Avola), Fabio Messina (Siracusa) e Vincenzo Pitino (Rosolini) si dimettono dall’incarico di coordinatore Udc: “Non ci sono i presupposti per un progetto politico”

DiAdmin

Salvatore Tiralongo (Avola), Fabio Messina (Siracusa) e Vincenzo Pitino (Rosolini) si dimettono dall’incarico di coordinatore Udc: “Non ci sono i presupposti per un progetto politico”

Dopo una lunghissima riflessione e con un non indifferente rammarico è arrivata la decisione tanto travagliata quanto sofferta che ha visto l’Ingegner Tiralongo e gli Architetti Messina e Pitino dimettersi dal ruolo di coordinatori cittadini e prendere le dovute distanze dal partito. I tre professionisti ci tengono a precisare che il loro non sarà un cambio di casacca ma semplicemente un non sentirsi parte integrante di un progetto che fondamentalmente non esiste.

“Noi continueremo a fare politica e a portare avanti quel famoso progetto che ci vedrà costantemente impegnati nel sociale e ci faremo promotori di eventi benevoli per la nostra Terra. La nostra indole rimarrà tale. Ci reputiamo centristi moderati e ci impegneremo a dare il meglio di noi stessi e lo faremo all’interno di un movimento che ci vedrà protagonisti nel sociale e nella vita politica locale e provinciale. La parola chiave del movimento sarà concretezza ed è da lì che bisogna ripartire in quanto il lassismo in politica non porta a nulla. Saremo concreti e dinamici e non saremo noi a dirlo ma sarà compito nostro dimostrarlo nell’immediato”. Concludiamo con una frase storica di Rita Levi-Montalcini che che ben si presta alla descrizione dei nostri stati d’animo: “Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella zona grigia in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva, bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi.”

Info sull'autore

Admin administrator

Commenta