Archivio per Categoria Siracusa

Diredazione

Siracusa: Asili nido a rischio l’apertura. L’appello di Vincenzo Vinciullo, Fabio Alota, Mauro Basile, Salvatore Castagnino e Albero Palestro

Di qui a qualche mese, dovrebbero riaprire gli asili nido della città di Siracusa, ma a quello che risulta, l’Amministrazione Comunale è troppo disinteressata alla problematica e assolutamente insensibile a quello che potrà accadere a centinaia di famiglie siracusane, di qui a qualche settimana, non appena torneranno dalle ferie. Lo Dichiarano Vincenzo Vinciullo, Fabio Alota, Mauro Basile, Salvatore Castagnino e Albero Palestro.Infatti, chi accoglierà i bambini in età ancora non scolare, dal momento che, in atto, non esistono le convenzioni e, addirittura, qualche asilo nido viene chiuso ed altri, in seguito al crollo di parte del soffitto, non vengono minimamente interessati dai lavori di messa in sicurezza, che sarebbero assolutamente indispensabile realizzarli in questo periodo?Invitiamo, pertanto, l’Amministrazione Comunale a volersi attivare immediatamente, con l’urgenza del caso, per programmare tutti gli interventi necessari per consentire la riapertura degli asili nido.Sarebbe sgradevole per le famiglie e per noi, hanno concluso Vinciullo, Alota, Basile, Castagnino e Palestro, che rappresentiamo l’opposizione, di qui a qualche settimana, attaccare pesantemente l’Amministrazione Comunale per non aver, nei tempi e modi previsti, provveduto a mettere in atto tutte le necessarie strategie ed interventi per consentire l’apertura degli asili nido e, allo stesso tempo, per evitare la perdita di decine di posti di lavoro a cui andrebbero incontro tutti i lavoratori e le lavoratrici che, fino a qualche settimana fa, lavoravano nel settore degli asili nido.

Diredazione

Siracusa: In arrivo 73 mila euro per la Chiesa del Cimitero di Siracusa. Soddisfazione di Vinciullo

Il Dipartimento regionale della Protezione Civile ha proceduto a liquidare al Comune di Siracusa, per i lavori di consolidamento e restauro della Chiesa del Cimitero, l’importo complessivo di 73 mila euro per il pagamento del 3° ed ultimo S.A.L., nonché per il pagamento degli oneri per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto e il rimborso degli oneri di conferimento in discarica. Lo comunica Vincenzo Vinciullo.

Come si ricorderà, con DDG n.550 del 17 luglio 2014, è stato approvato l’ultimo impegno per i lavori relativi alla Chiesa del Cimitero di Siracusa, per un importo complessivo di 500 mila euro, lavori che, già in una precedente rimodulazione dei fondi della Legge 433, quando ero Assessore alla Ricostruzione, erano già stati destinati, era il 2007, al Comune di Siracusa.Adesso, dopo 11 anni dalla concessione del primo finanziamento, finalmente si giunge alla conclusione dei lavori per i quali mi sono visto costretto ad intervenire anche attraverso l’interrogazione parlamentare n.1280 del 11/11/2013.Con il pagamento del 3° S.A.L., ha concluso Vinciullo, si spera che, finalmente, conclusi i lavori, la Chiesa possa essere riaperta al culto.

Diredazione

Donazioni del sangue in calo. L’appello del direttore generale dell’Asp di Siracusa Anselmo Madeddu

In estate calano le donazioni di sangue ma l’esigenza è uguale se non maggiore come per tutti i mesi dell’anno. Interventi chirurgici, incidenti stradali, patologie croniche, importanti emorragie contano sulla generosità dei donatori.

A lanciare l’appello e sensibilizzare alla donazione è il direttore generale facente funzioni dell’Asp di Siracusa Anselmo Madeddu che stamane ha dato l’esempio recandosi al Centro Trasfusionale dell’ospedale Umberto primo di Siracusa e si è sottoposto al prelievo.

“Prima di andare in ferie o al rientro – è l’appello di Anselmo Madeddu – ricordatevi di compiere questo gesto che è fondamentale per la vita degli altri. Non si può abbassare la guardia, come purtroppo accade nel periodo estivo, e tutti dobbiamo contribuire a rendere autosufficienti i Centri Trasfusionali garantendo la disponibilità di sacche di sangue in tutti i mesi dell’anno. Ringrazio la stampa che ci aiuta a sensibilizzare fortemente i cittadini nei confronti della donazione volontaria e periodica del sangue e dei suoi emocomponenti, i donatori tradizionali, quanti decidono per la prima volta di sottoporsi alla donazione rispondendo al nostro appello, le associazioni impegnate costantemente in un servizio volontario di così grande rilevanza. Ricordiamoci che in ogni momento qualcuno ha bisogno di sangue, non facciamo mancare il nostro aiuto. Donare è semplice, basta rivolgersi con fiducia e tranquillità alle associazioni presenti nel territorio o ai servizi trasfusionali degli ospedali per accertare l’idoneità e fare questo grande gesto di altruismo e solidarietà”.

“Il rispetto della periodicità della terapia trasfusionale per le persone talassemiche e la risposta efficace alle richieste in urgenza sono di prioritaria importanza per le strutture sanitarie, specie durante il periodo estivo” -sottolinea il direttore della Struttura Trasfusionale aziendale Dario Genovese – “abbiamo, in questi ultimi giorni, sollecitato le associazioni dei volontari a potenziare il servizio di chiamata-convocazione dei donatori, in particolar modo quelli di gruppo 0 Rh positivo e negativo ed abbiamo rivolto l’invito ad incrementare le giornate di raccolta nelle Unità di raccolta associative, presenti sul territorio provinciale”.

Circa sessanta donazioni giornaliere sono necessarie per soddisfare il fabbisogno di terapia trasfusionale richiesta all’azienda sanitaria. Nei giorni scorsi, su sollecitazione delle associazioni dei donatori, il ministro dell’Interno ha rivolto ai prefetti l’invito a promuovere interventi volti a sensibilizzare i giovani verso i temi della solidarietà e del dono e per realizzare progetti finalizzati a coinvolgere il territorio. Per effettuare la donazione, nel caso dei donatori già periodici, o per verificare la idoneità, nel caso si volesse donare per la prima volta, ci si può recare presso le Unità di raccolta ospedaliere di Augusta, Avola, Lentini e Siracusa, o nelle unità di raccolta associative.

Diredazione

Siracusa: Distress, sabato il taglio del nastro della mostra

La presentazione della mostra Distress, personale di pittura dell’artista persiana Rasta, si svolgerà

sabato 28 luglio alle 19.30 al Museo Civico ex Monastero di Santa Chiara di corso Vittorio Emanuele. Appuntamento imperdibile per gli amanti dell’arte e della cultura

Diredazione

Ortigia in mostra, i “Portraits” di Andrea Ventura al S’AC dal 3 agosto al 3 settembre

I celebri “Portraits” di Andrea Ventura saranno in mostra dal 3 agosto al 3 settembre al S’AC-Sant’Agostino Contemporanea.

L’evento è inserito nel calendario di “Ortigia in mostra”, progetto di arte diffusa promosso dalla galleria Sudestasi Contemporanea di Ragusa con il patrocinio del Comune di Siracusa, in collaborazione con Galleria Regionale di Palazzo Bellomo e il contributo di sponsor privati.

Andrea Ventura (Milano, 1968) è uno degli artisti visivi oggi più apprezzati nel mondo. Dal 1991 lavora come illustratore a New York, dove ha ottenuto un grande successo disegnando le copertine di alcuni tra i maggiori periodici americani, dal New York Times al New Yorker, dal Times al magazine Rolling Stones, fino a Forbes. Suo è il celebre ritratto di Bill Clinton apparso su Newsweek nel 1998. Ha ricevuto la medaglia d’oro per il Lead Awards 2010 e le medaglie d’oro e d’argento dalla Society of Illustrators di New York per i ritratti di Jeorge Luis Borges e Glenn Gould.

Diredazione

Siracusa: Il dopo voto, arriva il duro attacco di Ezechia Paolo Reale

Ricebiamo e pubblichiamo integralmente le riflessioni del dopo voto di Ezechia Paolo Reale, già candidato a sindaco della città di Siracusa oggi consigliere comunale di opposizione per Progetto Siracusa:

Con la proclamazione dei 32 Consiglieri Comunali le istituzioni della città di Siracusa sono pronte a ripartire dopo una brutta campagna elettorale ed una troppo lunga attesa dei risultati.

Sono molto grato ai 20.332 elettori che mi hanno votato.

Nessuno ha raggiunto questo numero di preferenze. 

20.332 voti non sono stati forse sufficienti a farmi diventare Sindaco, ma certamente mi danno la giusta motivazione per svolgere al meglio la delicata funzione di Consigliere Comunale al fianco dei quattro colleghi eletti nella lista di Progetto Siracusa che, con il Movimento 5 Stelle, sarà il gruppo consiliare più numeroso ed insieme agli altri tredici colleghi eletti eletti nelle liste della mia coalizione.

Per rispetto delle istituzioni e per amore della città ho atteso che venissero proclamati tutti i risultati delle elezioni in modo che gli organi istituzionali di Siracusa, Sindaco, Giunta Municipale e Consiglio Comunale, potessero comunque entrare in funzione e governare una città che ne ha estremo bisogno, al di là delle aspirazioni personali di ciascuno di noi.

E’ giusto però ora dire con forza, anche a nome di tutti i candidati, i dirigenti ed i simpatizzanti del Movimento Progetto Siracusa, che i risultati delle elezioni così come sono stati proclamati non corrispondono all’effettiva volontà degli elettori.

E’ giusto ora ribadire con precisione, nonostante il silenzio assordante che circonda una vicenda molto grave, che i principi di democrazia rappresentativa durante queste elezioni sono stati calpestati ed irrisi, dando paradossalmente ragione a coloro che non hanno voluto partecipare al voto.

Mi assumo la piena responsabilità delle mie parole.

Chiunque può verificare se solo ne ha il tempo e la voglia, dalla semplice lettura dei verbali delle sezioni elettorali, che dai conteggi ufficiali mancano i voti di più di 2.000 elettori (cioè un numero di voti che da solo supera il risultato di otto liste presenti nella competizione !) che non si sa che fine abbiano fatto; circa 150 voti sono stati complessivamente conteggiati in tre sezioni nonostante non ci fossero i relativi elettori  (ad es. attribuiti 859 voti complessivi in una sezione dove hanno votato solo 768 persone ! ).

Vi sono poi altre numerose e gravi anomalie, tra le quali l’abnorme numero di schede annullate pari ad oltre 2.300, che mi hanno obbligato, per il rispetto della volontà degli elettori e per la tutela di quel che resta della democrazia, a dare mandato ad un legale esperto della materia di impugnare i risultati elettorali e che è mia intenzione portare all’attenzione della Procura della Repubblica a supporto della denunzia già proposta nell’immediatezza dai responsabili della lista UDC.

E’ giusto che Siracusa vada comunque avanti, ma è anche indispensabile che al più presto venga fatta chiarezza  su quanto accaduto e venga accertato il vero risultato delle elezioni, non quello manifestamente inattendibile fondato su dati che tutti sanno, o dovrebbero sapere,  non corrispondere alla volontà di tutti gli elettori.

Ed è mia convinzione che qualcuno, investito di funzioni pubbliche, abbia addirittura tentato di nascondere le anomalie contenute nei verbali di scrutinio e ci sarebbe anche riuscito – come infatti ci è riuscito sino ad ora dato che nessuno pare essersi accorto di nulla – se non avessi deciso, anche in seguito alle numerose segnalazioni di candidati della mia coalizione ai quali non era stato attribuito neppure il voto loro o dei loro più stretti congiunti, di esaminare direttamente le copie dei verbali, portando alla luce questa brutta pagina che spero qualcuno dotato della necessaria autorità trovi il coraggio necessario a riscrivere.

Diredazione

Dissesto dell’ex Provincia, insediata la commissione Ministeriale

Relativamente al dissesto finanziario del Libero Consorzio Comunale di Siracusa, annunciato qualche mese dal Commissario Straordinario Carmela Floreno, si è insedia la Commissione ministeriale che dovrà gestirne la fase di fallimento. L’insediamento è avvenuto alla presenza del Segretario Generale dott. Alberto D’Arrigo.

I componenti della Commissione sono il dott. Filippo Romano, vice prefetto vicario della prefettura di Siracusa, il dott. Gioacchino Salvatore Guarrera, dirigente contabile e il dott. Angelo Scandura, dottore commercialista. La Commissione straordinaria procederà alla gestione dell’indebitamento pregresso dell’Ente alla data del 31 dicembre 2017.

Diredazione

Siracusa: Tutto pronto per le celebrazioni del 65mo anniversario della Lacrimazione di Maria

Si svolgerà tra un mese esatto la celebrazione per il 65esimo anniversario  della Lacrimazione di Maria che quest’anno avrà come tema un’espressione di Papa Francesco: “Per il Pianto della Madre c’è ancora speranza per i figli“.

Giovedì 23 agosto ci sarà  l’apertura ufficiale presso l’Arcivescovado di Siracusa, con una serata tra musica e parole dedicata alla Madonna, organizzata dalla Cattedrale di Siracusa e dall’Ufficio di Pastorale del Tempo Libero e del Turismo in collaborazione con la Kairos.  Durante lo spettacolo saranno presentate le tappe principali delle celebrazioni anniversarie.

Momenti di preghiera, processioni, solenni celebrazioni, dirette nazionali su Radio Maria, concerti in Santuario e in Città prepareranno e accompagneranno l’evento che culminerà il 1° settembre 2018 con il Solenne Pontificale presieduto da Sua Em.za il Signor Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano e la Concelebrazione di tutti gli Arcivescovi e i Vescovi della Sicilia. Sabato 25 agosto, in Piazza Duomo, Concerto di Cristina Orsolina.

Le celebrazioni liturgiche dei quattro giorni ricordano la lacrimazione di un quadretto di gesso, raffigurante il Cuore Immacolato di Maria, posto come capezzale di un letto matrimoniale, nella casa di una giovane coppia di sposi, Angelo Iannuso e Antonina Giusto, in via degli Orti di S. Giorgio, avvenuta dal 29 agosto al 1 settembre del 1953. Il fenomeno si verificò, ad intervalli più o meno lunghi, sia all’interno che all’esterno della casa. Molti poterono vedere, toccare, assaggiare e raccogliere quelle lacrime umane.

Il 1° settembre una commissione di medici e di analisti, incaricata dalla Curia Arcivescovile di Siracusa, prelevò il liquido che sgorgava dagli occhi del quadretto, lo sottopose ad analisi microscopica e decretò che si trattava di “lacrime umane”. Il quarto giorno, dopo l’analisi scientifica, il quadretto di gesso smise di piangere.

 

Diredazione

Ufficializzati i nuovi direttori dei Dipartimenti all’Asp di Siracusa

Sono stati ufficializzati questa mattina i nuovi direttori dei Dipartimenti dell’Asp di Siracusa nominati qualche giorno fa.

I nuovi direttori generali sono: Giuseppe Caruso del Dipartimento Transmurale del Farmaco, Franco Ingala del Dipartimento delle Attività Accreditate Ospedaliere residenziali e semiresidenziali, Eugenio Bonanno del Dipartimento Amministrativo, Giovanni Trombatore del Dipartimento Chirurgico, Giuseppe Capodieci,  Dipartimento transmurale dei Servizi area radiologica, Rosario Di Lorenzo, Dipartimento dei Servizi e dell’Area Igienico organizzativa, Giuseppe Daidone, Dipartimento Area Medica, Alfio Spina,, Dipartimento dell’Assistenza Distrettuale e dell’Integrazione socio-sanitaria, Antonio Bucolo, Dipartimento Materno Infantile, Roberto Cafiso, coordinatore funzionale delle Unità operative complesse afferenti al Dipartimento Salute Mentale, Maria Lia Contrino, coordinatore funzionale delle Unità operative complesse afferenti al Dipartimento della Prevenzione Medico.

“La sanità di norma è organizzata a compartimenti stagni e il cittadino nei suoi percorsi assistenziali attraversa in maniera trasversale le varie strutture sanitarie. Riorganizzare la sanità in maniera dipartimentale – ha detto il direttore generale Anselmo Madeddu –  ribalta l’ottica dalla parte del cittadino, fornendo un percorso integrato e semplificato tra i vari reparti che afferiscono ai rispettivi dipartimenti, secondo le esigenze specialistiche e di cura di ogni paziente, consentendo, tra l’altro, di gestire in maniera più razionale ed efficiente le risorse disponibili. E’ un modello che la nostra Azienda non aveva da sei anni e finalmente siamo riusciti in continuità con la precedente amministrazione a portare a compimento questo importante percorso”.

“L’organizzazione dipartimentale – ha puntualizzato il direttore amministrativo Giuseppe Di Bella – non è un’opzione bensì una esigenza di ogni azienda che vuole migliorare i percorsi assistenziali con una leva importante rappresentata dai direttori dei rispettivi dipartimenti individuati tra le migliori professionalità interne”.

Diredazione

Nota congiunta delle categorie edili su disegno di legge Congruità del Durc

Congruità del Durc (Documento unico di regolarità contributiva) e dunque aziende sempre più regolari contro il fenomeno dilagante del lavoro nero. Se n’è parlato questa mattina alla Cassa Edile siracusana in occasione di una conferenza stampa che – in forma congiunta – hanno tenuto i segretari di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil, rispettivamente Salvo Carnevale, Paolo Gallo e Saveria Corallo insieme con il deputato regionale pentastellato all’Ars, Stefano Zito. “Abbiamo proposto al nuovo gruppo parlamentare siracusano che si è insediato lo scorso anno – sottolineano i tre segretari – una serie di priorità per ciò che concerne il mondo sindacale tra cui il principio di congruità del Durc. Il M5S ha mostrato sensibilità e ha lavorato con noi per far sì che venisse depositato un disegno di legge al parlamento siciliano, affinché qualora questa norma passasse, sarebbe uno strumento fondamentale per fronteggiare il lavoro nero e dunque far capire alle aziende che devono essere regolari”.

“Questa norma – hanno poi aggiunto Carnevale, Gallo e Corallo – metterebbe una regola preventiva in fatto di congruità delle aziende stesse senza la necessità di passare a successivi controlli. La congruità, dunque, sarebbe la panacea di tutti i mali: immaginate un edificio di 5-6 piani per i cui lavori le aziende presentassero due soli operai da impiegare. Sarebbe assurdo e tutto questo noi lo vogliamo evitare”.

“Il problema cardine, infine – ribadiscono i tre segretari di Fillea, Filca e Feneal – è anche quello dei ribassi d’asta e ciò sta danneggiando tutto il settore, i lavoratori e le aziende serie che non potendo arrivare a quei ribassi non riescono a essere in regola poi con i propri lavoratori. Ci teniamo a precisare che non stiamo copiando la norma scritta appositamente per i lavori post-terremoto in Abruzzo, stiamo soltanto cercando di fare in modo che partendo da quella legge, si possa introdurre anche in Sicilia una norma con le opportune modifiche affinché si tutelino i lavoratori e le aziende oneste”.